eadv

lunedì 23 marzo 2015

SVEZZAMENTO DEI LATTANTI: La prima pappa - DETTO FATTO 23/03/2015

mmm
Oggi i consigli della pediatra

lo svezzamento

Neo mamme, avete dubbi sull'alimentazione dei vostri piccoli? Noi abbiamo chiamato la dottoressa Francesca Balivo per parlarci dello SVEZZAMENTO!
L’Organizzazione Mondiale della Sanità raccomanda di iniziare lo svezzamento al compimento del 6° mese di vita. Tuttavia ciascun bimbo fa storia a sé e alcuni sono pronti per iniziare già al 4° mese.
LA PRIMA PAPPA
BRODO VEGETALE:
UNA PATATA
UNA CAROTA
UNA ZUCCHINA
Questo sarà il primo approccio “alla cucina” che il bambino avrà dopo il latte. Facciamo bollire per circa un’ora questi ingredienti, rigorosamente senza sale, quindi filtriamo il brodo e calcoliamo una porzione di circa 150-200 cc
La prima pappa sostituisce in genere la poppata di mezzogiorno.
Possiamo stemperare nel brodo caldo 3 cucchiai rasi da cucina di crema di riso, mais tapioca oppure di crema multicereali o di semolino. Il mio consiglio è quello di iniziare con la crema di riso o il mais tapioca perché non contengono glutine e solo in un secondo momento passare ai multicereali e al semolino. Ricordiamoci che le creme e il semolino sono precotti quindi possono essere versati direttamente nel brodo. La pastina, al contrario, va cotta. Concludiamo il piatto con un cucchiaino di olio extravergine di oliva ricco di acido oleico, vitamine e antiossidanti.
Importante: non scoraggiatevi se il piccolo rifiuta la pappa perché è normale! E’ abituato al solo sapore e alla consistenza del latte quindi ha bisogno di un po’ di tempo per abituarsi. La parola d’ordine è pazienza!
Quando possiamo introdurre nel brodo nuove VERDURE oppure la CARNE? Consiglio di farlo dopo circa una settimana dall’inizio dello svezzamento. Attenzione però che non tutte le verdure e le carni vanno bene. Per quanto riguarda le verdure consiglio di introdurre, sempre una alla volta, la lattuga, i finocchi, il sedano, i fagiolini non dimenticando mai la stagionalità dei prodotti! Evitiamo invece le verdure dal sapore intenso o potenzialmente allergizzanti come le cipolle, le verze, il cavolo e il pomodoro! Quest’ultimo non deve essere introdotto prima dell’ottavo mese quando diventerà il protagonista delle prime pastasciutte!
E per quanto riguarda la CARNE? Può essere introdotta dopo una settimana. Possiamo scegliere tra mezza confezione di liofilizzato (10 g) oppure ½ omogeneizzato (conf. da 80 g). Sicuramente la scelta deve cadere sulle carni bianche come agnello, coniglio, tacchino e pollo.
FRUTTA:
Dopo aver introdotto la prima pappa è possibile somministrare ½ mela o ½ pera grattugiata. In alternativa si può scegliere l’omogeneizzato di mela e pera. La frutta deve essere fresca e non cotta altrimenti perde le sue proprietà nutritive!
CONDIMENTI DA EVITARE:
Dobbiamo evitare il sale perché gli alimenti sono già naturalmente salati e il bambino non deve abituarsi a un gusto salato. Lo stesso discorso vale anche per lo zucchero che può stimolare la continua ricerca del “dolce”. Anche il miele va evitato sotto l’anno di vita perché può contenere le spore del botulino, un batterio che può causare gravi intossicazioni
Per finire, la seconda pappa può essere introdotta a partire dal compimento del 6° mese di vita e va a sostituire la poppata serale! Come regola diciamo che la seconda pappa viene introdotta dopo 4-5 settimane dall’introduzione della prima.
})();

Nessun commento:


Il presente Blog è aggiornato senza alcuna periodicità e non rappresenta una testata giornalistica ai sensi della legge n.62 del 07.03.2001. Qualora immagini, video o testi violassero eventuali diritti d'autore siete pregati di segnalarlo e verranno rimosse.
Avviso sulla privacy: Per pubblicare gli annunci sul nostro sito web utilizziamo aziende pubblicitarie indipendenti. Queste aziende possono utilizzare questi dati (che non includono il tuo nome, indirizzo, indirizzo email o numero di telefono) sulle tue visite a questo e altri siti web per creare annunci pubblicitari su prodotti e servizi che potrebbero interessarti. Se desideri ulteriori informazioni a questo proposito e per conoscere le opzioni disponibili per impedire l'utilizzo di tali dati da parte di queste aziende, fai clic qui.